logo
 

/// Glossario

A | B | C | D | E | F | G | H | I | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

RU486
Procedimento volto a provocare un aborto chimico attraverso la somministrazione del mifepristone, un antiprogestinico che impedisce al progesterone di svolgere il suo lavoro, occupandone i recettori nell'apparato genitale femminile. Somministrandola dopo che è avvenuto il concepimento induce l'aborto causando un effetto analogo a quello di un aborto spontaneo - ovvero provoca la morte endouterina del prodotto del concepimento. Da sola non è in grado di consentire un completo svuotamento dell'utero, per cui uno o due giorni dopo la somministrazione è necessario somministrare un altro farmaco, una prostaglandina che stimola le contrazioni dell'utero, provocando l'aborto vero e proprio - che come qualsiasi aborto spontaneo avviene attraverso contrazioni dell'utero finalizzate all'espulsione del materiale ovulare con perdite ematiche di discreta qualità. Prima di procedere è necessario determinare esattamente lo stadio della gravidanza (l'efficacia del farmaco è massima nelle prime fasi) e controllare attraverso un'ecografia che non sia in atto una gravidanza extrauterina.
 
A | B | C | D | E | F | G | H | I | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z
Copyright 2014 S.I.C. Design by Studio Software Leoncini