logo
 

/// Metodo in sintesi IUS Dispositivo a rilascio di progestinico

Che tipo di metodo è? Questo tipo di spirale è un dispositivo intrauterino medicato, di polietilene a forma di T, contenente un ormone progestinico, levonorgestrel, che viene rilasciato lentamente e in modo costante.
Chi lo usa / lo sceglie? La donna
Quando e dove va applicato? La spirale IUS va inserita entro 7 giorni dall’inizio delle mestruazioni. L’applicazione richiede pochi minuti e non è necessaria alcuna anestesia.
Quanto dura? La durata può essere di 3 o 5 anni a seconda della spirale
Come agisce? La spirale IUS ha un triplice meccanismo d’azione, soprattutto locale:

  • Addensa il muco cervicale
  • Inibisce la motilità e la funzionalità degli spermatozoi a livello delle tube
  • Assottiglia la mucosa dell’utero (endometrio) rendendola inadatta ad un eventuale impianto
Quanto è efficace? HA UN’EFFICACIA CONTRACCETTIVA MOLTO ELEVATA E DURATURA
L’efficacia è analoga a quella della pillola
Percentuali di fallimento = 0,2-0,1%*
Assicura benefici extra-contraccettivi? SI, tende a regolarizzare i flussi mestruali abbondanti (la spirale a 5 anni ha questa indicazione)
È reversibile dopo la rimozione? Sì, è un metodo rapidamente reversibile
Condiziona la fertilità futura della donna? Se viene posizionata correttamente e nella donna che non ha già avuto almeno un figlio non ha influenza sulla fertilità futura.
Interferisce con la qualità del rapporto sessuale? Se la spirale è posizionata correttamente e ben accettata dalla donna non ci sono interferenze con la spontaneità del rapporto.
Protegge dalle IST? NO, solo il preservativo (o l’astinenza) offre una protezione.
Richiede un addestramento? La spirale viene inserita da un ginecologo opportunamente addestrato, dopo l’inserimento la donna deve essere nuovamente visitata 4-6 settimane dopo l’inserimento, per controllare i fili e verificare la corretta posizione del sistema. Successivamente, si consigliano visite di controllo a cadenza annuale, o più frequenti se indicate clinicamente.
In quali situazioni è indicato?
  • In tutte le donne sane che hanno già avuto figli
  • Nelle donne che hanno più di 35 anni con flussi mestruali abbondanti o molto frequenti (indicato per la spirale a 5 anni)
  • In tutte le donne che non vogliono assumere estrogeni
  • In tutte le donne che non possono assumere estrogeni come raccomandato dalle linee Guida della Organizzazione Mondiale della Sanità:
    Donne fumatrici con età superiore ai 35 anni
    Donne che soffrono di emicrania, anche con aura
    Donne in allattamento
    Donne con una storia personale o familiare di flebite, trombosi o tromboembolismo venoso (TEV)
    Donne con malattie croniche a rischio cardiovascolare e metabolico ad esempio diabetiche, ipertese, ipercolesterolemiche, in sovrappeso od obese
E’ indicato per le adolescenti? La spirale viene in genere sconsigliata, salvo diverso parere medico, nelle adolescenti e nelle giovani donne senza figli.
Quando esistono delle controindicazioni relative? Nei seguenti casi l’uso della spirale può essere controindicato, salvo diverso parere medico:

  • in assenza di figli
  • in caso di restringimento della cervice uterina
  • subito dopo il parto, in particolare nelle prime 6 settimane
  • in corso di terapie anticoagulanti protratte nel tempo
  • in caso di trattamento a lungo termine con farmaci antinfiammatori
  • in corso di lunghe terapie antibiotiche
  • in caso di grave anemia
  • nelle donne affette da IST o che hanno un alto rischio (per esempio in caso di partner multipli della donna o del partner)
Ci sono delle controindicazioni assolute all’uso dello IUS? Nei seguenti casi l’uso della spirale è controindicato:

  • se si rimane incinta o si sospetta di esserlo, in caso di precedenti gravidanze extrauterine
  • in corso di infezioni pelviche o se si è a rischio di contrarle
  • in caso di gravi malformazioni dell’utero, in presenza di polipi o di fibromi
  • familiarità a tumori all’apparato genitale
  • malattie delle valvole cardiache soprattutto quando c’è un alto rischio di infezione
  • in caso di emorragie uterine di cui non sia nota la causa
L’associazione con farmaci 
ne riduce l’efficacia? Possono esserci delle influenze. Chiedere consiglio al proprio ginecologo.
E’ un metodo ben tollerato? 
Provoca effetti indesiderati? Durante i primi due-tre mesi è possibile che compaiano effetti indesiderati che poi vanno scomparendo. In caso contrario consultare il medico.
Anche il rischio di espulsione spontanea è più frequente nei primi 4-5 mesi dall’inserimento.
E’ necessaria 
la ricetta medica? Sì, sempre
Dove si può acquistare? In farmacia
 
* Flamigni C, Pompili A – Contraccezione, L’Asino d’oro Ed, 2011, www.lasinodoroedizioni.it
 
NB. La tabella riportata non sostituisce in alcun modo il consiglio e l’indicazione del proprio medico o ginecologo a cui è sempre consigliabile rivolgersi soprattutto quando si inizia la contraccezione. Ogni donna è diversa dall’altra.
ottobre 03, 2012
Copyright 2014 S.I.C. Design by Studio Software Leoncini